MI CANDIDO AL CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

Regionali 2020: il Veneto Orientale protagonista!

Ecco il manifesto che vedrete nelle prossime settimane affisso nei comuni del Veneto Orientale.

Come sapete, mi candido al Consiglio Regionale del Veneto nelle prossime elezioni regionali. Il mio progetto nasce con Francesca Zottis, già Consigliere Regionale nell’attuale legislatura, per agire concretamente in Regione e dare spazio e voce al nostro territorio di confine, crocevia economico, turistico e culturale – nonché porta d’ingresso verso Venezia e l’Est Europa.

Mi metto in gioco oggi, in quest’anno davvero difficile a livello sociale, perché è evidente che non c’è più tempo: c’è bisogno di un Veneto attento alla condizione di fragilità, orientato alla sostenibilità ambientale e aperto all’innovazione, quella vera, che alimenta la crescita e la sostenibilità.

Un Veneto diverso è davvero possibile.

Si vota domenica 20 (dalle 7 alle 23) e lunedì 21 settembre (dalle 7 alle 15). Insieme possiamo farcela!

INTERVISTA: IL MONDO DEL LAVORO

SCRITTURA_PC_CAFFE

Il lavoro è un elemento coessenziale alla dignità della persona umana.

Il lavoro è generato dall’impresa, fondamentalmente dall’impresa innovativa, che sa stare nel mercato e che sa valorizzare, corresponsabilizzare dipendenti e collaboratori e generare relazioni di reciprocità e di fiducia con gli attori del territorio.

È necessario, quindi, rimettere al centro la cultura d’impresa e della responsabilità sociale dell’impresa all’interno della comunità. Cosa può fare il Comune da questo punto di vista? In una dimensione di progetto d’area, anche con altri Enti locali, può promuovere azioni e condizioni per rendere accogliente il territorio per imprese che innovano. Significa infrastrutture, e da questo punto di vista Portogruaro gode di notevoli realizzazioni, quali la tangenziale, il nodo autostradale e ferroviario, l’interporto e l’autoparco che favoriscono l’intermodalità, l’area ex Eni che corrisponde all’East_Gate Park, e l’area degli Insediamenti Produttivi di Noiari.
A completamento delle infrastrutture risulta fondamentale dotare il nostro territorio della banda larga in una logica di mercato globale. Significa intervenire anche con politiche fiscali omogenee in tutto il comprensorio con misure di semplificazione amministrativa, quest’ultima sentita come decisiva dalle categorie produttive, attivare progetti integrati per la valorizzazione turistica della Città. E significa, infine, promuovere iniziative utili per l’incontro tra domanda e offerta di lavoro. A riguardo, un’azione molto efficace sarà quella di un collegamento più stretto tra sistema scolastico-polo tecnologico e mondo dell’impresa e del lavoro, per garantire per i giovani competenze allineate alle richieste del mercato.
Sempre a questo riguardo, intendiamo riqualificare il polo universitario con “master di specializzazione” nelle aree di vocazione economica del territorio, quali agroalimentare, vitivinicolo, servizi alle persone, turismo e terziario avanzato.
(versione integrale dell’intervista rilasciata a Il Gazzettino, 12/06/2015)
(Foto: Corbis Image)

MARCO TERENZI SPIEGA IL PROGETTO DELLA COALIZIONE DI CENTROSINISTRA

Durante un incontro pubblico recente, il candidato Marco Terenzi ha raccontato il progetto della coalizione di centrosinistra, il progetto concreto per la Città di Portogruaro e il motivo per cui la coalizione di centrosinistra è l’unica coesa e semplice che può garantire la governabilità per il futuro di Portogruaro.
Andiamo più avanti, insieme! Con #TerenziSindaco
Ecco la registrazione effettuata da un presente all’incontro!

“IL FUTURO È DEI TERRITORI CHE SANNO STARE INSIEME”

Venerdì 12 giugno dalle 21 in Piazza della Repubblica ci sarà l’iniziativa di chiusura della campagna elettorale con il candidato Sindaco Marco Terenzi e i rappresentanti della coalizione di centrosinistra.
Annunciati ufficialmente gli ospiti presenti durante la chiusura della campagna elettorale: saranno i tre Sindaci del territorio Furio Honsell, Sindaco di Udine, Giovanni Manildo, Sindaco di Treviso e Andrea Cereser, Sindaco di San Donà di Piave e Antonio Bertoncello, Sindaco di Portogruaro dell’uscente amministrazione.
“Abbiamo scelto di invitare i Sindaci per dare un chiaro messaggio alla comunità – spiega Terenzi – e un messaggio corrispondente a quello che sarà il nostro modus operandi. Perché i Sindaci? Perché il futuro di Portogruaro e del Portogruarese dipenderà dalla rete di relazioni che saremo in grado di mantenere e creare a partire proprio dalla collaborazione tra Enti Locali, fra territori, fra Enti Locali e famiglie, articolazioni sociali e cittadini.”
È la rete la forma vincente per i territori e la risposta al dilemma rappresentato dai bisogni dei cittadini che aumentano e dalle risorse a disposizione delle Istituzioni che diminuiscono.
“Dobbiamo prepararci ad affrontare l’ingresso nella Città Metropolitana in modo autorevole e con la competenza necessaria insieme al Veneto Orientale affinché Portogruaro non rimanga un territorio isolato: ciò danneggerebbe infatti i cittadini perché inciderebbe su temi importanti come la sanità o la difesa del nostro Ospedale di Portogruaro, la gestione dell’acqua e la sicurezza idraulica, il sistema scolastico e formativo, anche di livello Universitario.
È necessario invece lavorare sin da subito per porre le premesse per la governabilità di Portogruaro, e per costruire relazioni entro il nostro comprensorio, con San Donà di Piave ed il suo comprensorio, con il vicino Friuli Venezia Giulia.
Il futuro è dei territori che sanno stare insieme e sanno organizzarsi in modo coeso e sinergico, contro ogni forma di dirigismo statale o regionale che sia. Per i tempi nuovi che ci attendono occhi nuovi e capacità di innovazione, con una visione protesa al futuro.”

MARCO_TERENZI_VOTA_2015